1 – L’aquila, il corvo e il pastore

Le reali possibilità per uno scrittore esordiente di pubblicare il proprio libro

FAVOLE

In un vasto e maestoso regno di montagne e pianure, c’era un luogo isolato e incantevole dove il cielo si univa alla terra. Qui, tra le vette delle montagne, viveva un’aquila dal piumaggio scintillante e dagli occhi affilati come lame. Questa magnifica creatura era rispettata da tutte le creature della foresta per la sua grazia e la sua maestosità.
Un giorno, l’aquila decise di dimostrare la sua abilità di cacciatrice. Dal punto più alto di una cresta ventosa, si lanciò nell’aria con grazia e potenza, il suo sguardo fisso su un agnello che pascolava tranquillamente in un prato sottostante. Con una precisione impeccabile, l’aquila afferrò l’agnello con i suoi artigli affilati e lo portò via in aria.
Tuttavia, in quel momento, un corvo astuto che si trovava vicino stava osservando con ammirazione il volo dell’aquila. Il corvo, incuriosito dallo spettacolo, decise di imitare l’aquila e dimostrare la sua forza. Si lanciò in picchiata su una pecora che pascolava nelle vicinanze, ma al momento di afferrarla, i suoi artigli si impigliarono nella soffice lana dell’animale. Nonostante battesse le ali freneticamente, il corvo non riusciva più a liberarsi dalla presa della pecora.
Il pastore della zona, che stava guardando la scena da lontano, si precipitò verso il corvo intrappolato. Con attenzione, lo afferrò e, vedendo l’uccello intrappolato nella lana della pecora, decise di tagliare con cura le punte delle penne.
Il corvo, ora liberato, svolazzava goffamente verso terra, dove il pastore e i suoi figli lo stavano osservando. Uno dei giovani chiese al padre che tipo di uccello fosse il corvo, poiché non l’avevano mai visto prima.
Il pastore, con un sorriso compassionevole, rispose: “È solo un corvo, figlio mio, ma è stato presuntuoso al punto da credersi un’aquila. Ora, spero che abbia imparato la lezione.”
Il corvo, umiliato e privato della sua arroganza, accettò la lezione con umiltà e svolse il suo ruolo nell’ecosistema con modestia, imparando che l’orgoglio e la presunzione spesso portano a conseguenze impreviste. E così, nel regno delle montagne e delle pianure, la vicenda del corvo divenne una storia tramandata di generazione in generazione, ricordando a tutti l’importanza dell’umiltà e del rispetto per il proprio posto nel mondo.

MORALE

La vanità può essere pericolosa, specialmente se si mettono in mostra qualità che non si hanno.

VEDI APPROFONDIMENTO DELLA MORALE

ESERCIZIO PRATICO PER QUESTA FAVOLA

PER QUALE MOTIVO LEGGERE UNA FAVOLA?

I PERSONAGGI DELLE FAVOLE

Gratis! Iscriviti a NoiScrittoriNoiLettori e rimani aggiornato su tutte le novità del sito. Inoltre potrai usufruire di molti vantaggi offerti sempre gratuitamente a Scrittori e a Lettori

Unisciti ad altri 1,493 utenti.

TUTTI I POST SU ‘FAVOLE’, pubblicati da NoiScrittoriNoiLettori

Gratis! Iscriviti a NoiScrittoriNoiLettori e rimani aggiornato su tutte le novità del sito. Inoltre potrai usufruire di molti vantaggi offerti sempre gratuitamente a Scrittori e a Lettori

Unisciti ad altri 1,493 utenti.

LIBRI SULLE CASE EDITRICI

CLICCARE SULLE IMMAGINI PER INFORMAZIONI

SUGGERIMENTO

CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INFORMAZIONI

Visualizzazioni: 1