Presentazione della Casa editrice “MONTAG”

Le reali possibilità per uno scrittore esordiente di pubblicare il proprio libro

CASE EDITRICI NON A PAGAMENTO
MONTAG

DENOMINAZIONE

Casa editrice “MONTAG”

TIPOLOGIA DI PUBBLICAZIONE

NARRATIVA – POESIA – SAGGISTICA

SEDE

Via Piervittori 1 62029 – Tolentino (MACERATA)

EMAIL

testi@edizionimontag.it

SITO

https://www.edizionimontag.it/

Presentazione

La Montag è nata nel settembre del 2007 con l’obiettivo di dare una possibilità non solo ad autori e autrici esordienti, ma anche con pubblicazioni già all’attivo. Lo scopo è semplice: promuovere la letteratura senza preclusione alcuna e aiutare in un primo passo importante. Tutti i generi sono presenti nel nostro catalogo, con collane dedicate alla letteratura mainstream e fantastica, a poesia e saggistica.
In un mondo editoriale come quello italiano, ostico e complesso, avere una possibilità non è cosa da poco. E se ci piacerà quel che avete scritto, saremo pronti a darvela.

Siamo una piccola casa editrice, le difficoltà sono sempre dietro l’angolo, ma passione, serietà e dedizione ci hanno sempre contraddistinto fin dal primo giorno. Non promettiamo nulla, facciamo solo tutto ciò che è in nostro potere per i vostri libri perché il nostro punto di forza è il contatto con voi, e sapere che ogni pagina ha una dignità che non va calpestata.
È un progetto che comporta pazienza, passione e sacrificio. Le stesse qualità che servono a chi scrive una storia.

INVIO MANOSCRITTI

Siete in molti, ma leggeremo in ogni caso tutto ciò che invierete. Abbiamo un comitato di lettura nutrito e competente e ciò ci consente tempi di risposta rapidi, ma solo se la Montag è interessata all’opera. la nostra casa editrice in nessun caso chiede contributi, né economici, né in acquisto copie.
Prima di inviare, è bene tenere a mente qualche consiglio per facilitarci il lavoro:
Sfogliate il nostro catalogo. È importante siate convinti che la Montag possa essere la vostra casa editrice.
I testi vanno inviati in formato elettronico solo ed esclusivamente all’indirizzo testi@edizionimontag.it.
I testi dovranno essere in formato .docx, .doc, .odt. Non saranno presi in considerazione altri formati.
I testi dovranno essere corredati da una breve sinossi (il riassunto comprensibile della storia, bastano una decina di righe) e dai dati bio-bibliografici dell’autore (poche righe).
Prendiamo in considerazione soltanto opere complete. Quindi non inviate capitoli singoli o stralci. Tutto deve essere in un unico file.
Non si pubblicano testi con pseudonimo.
Se possibile, non inondateci di email o telefonate, troverete tutte le risposte alle vostre domande nelle FAQ.
IMPORTANTE: prima di inviare l’opera, leggete attentamente le nostre NOTE REDAZIONALI.

Se sei interessato ai CONCORSI LETTERARI GRATUITI, di seguito trovi quelli più recenti:

NARRATIVA

RACCONTI

POESIA

SAGGISTICA

Gratis! Iscriviti a NoiScrittoriNoiLettori e rimani aggiornato su tutte le novità del sito. Inoltre potrai usufruire di molti vantaggi offerti sempre gratuitamente a Scrittori e a Lettori

Unisciti ad altri 1,476 utenti.

Ultimi post di approfondimento Case editrici

In ordine di pubblicazione su NOISCRITTORINOILETTORI

ULTIMI POST SU CASE EDITRICI

In ordine di pubblicazione su NOISCRITTORINOILETTORI

Se sei uno scrittore e sei alla ricerca di una Casa editrice non a pagamento che pubblica libri ed ebook coerenti con i tuoi contenuti, sull’ebook ‘443 CASE EDITRICI NON A PAGAMENTO VOL. 2’ potrai trovare quello che ti serve. Clicca sul seguente pulsante per approfondimenti:

CONTATTI

Per informazioni editoriali:

redazione@edizionimontag.it

Per informazioni relative allo stato degli ordini effettuati sul nostro sito:

ordini@edizionimontag.it

Per assistenza sull’utilizzo del nostro sito web:

assistenzasito@edizionimontag.it

Per l’invio di manoscritti da sottoporre al comitato di redazione.

testi@edizionimontag.it

Sede legale

Via Piervittori 1  62029, Tolentino (MC)

P.IVA: 01953380431     R.E.A. MC195513

PUBBLICARE CON MONTAG

1) Chi legge le opere inviate, e quando avrò una risposta?

Un comitato di lettura che valuta la possibilità di pubblicazione. Visto l’alto numero di proposte, rispondiamo solo se il manoscritto ricevuto ci interessa. Non rilasciamo schede di lettura. L’esito sarà abbastanza rapido, al massimo due mesi.

2) Vorrei proporre una foto/illustrazione per la copertina, posso?

Certamente, a patto che sia di proprietà dell’autore–autrice, o di una terza persona che ceda i diritti di pubblicazione per libro attraverso una liberatoria e senza nulla a che pretendere. L’immagine dovrà essere comunque accettata dalla redazione e proposta almeno un mese prima della pubblicazione. Se la casa editrice avrà già predisposto la copertina e inviata in visione all’autore, non verrà accettata alcuna soluzione alternativa. Il motivo è facilmente comprensibile.

3) Quanto tempo ho per rivedere il testo secondo le vostre norme redazionali?

Almeno fino a due mesi prima della pubblicazione. Anche in questo caso, se la casa editrice avrà già predisposto il lavoro di impaginazione, non sarà possibile inviare una nuova versione.

4) Posso suggerire font o un’impaginazione di mio gusto?

No, la casa editrice ha un suo standard grafico e questi sono particolari tecnici che non ricadono nella sfera decisionale degli autori. Come per qualsiasi altra casa editrice.

5) Un libro già edito da un’altra casa editrice può essere pubblicato da Montag?

No, anche se non è più disponibile sul mercato. Stessa regola vale per i libri pubblicati in self-publishing o su qualsiasi mezzo online.

6) Quanto mi costerà pubblicare con voi?

Nulla. Montag è una casa editrice NO–EAP, senza contributo alcuno. Non chiede soldi per leggere, valutare, impaginare, pubblicare e distribuire il vostro libro. Né chiede di acquistarne copie. Se scegliamo un libro, è perché ci piace.

7) Quali generi letterari prendete in considerazione?

Non abbiamo preclusioni. Il nostro catalogo ha collane di narrativa, saggistica e poesia, in tutte le loro forme, declinazioni e generi.

8) Quante copie stampate in prima tiratura?

Un numero sufficiente a far sì che le richieste iniziali dei distributori siano soddisfatte, oltre ad avere una scorta adeguata in magazzino. Questo perché con il digitale, in tre – quattro giorni lavorativi si possono ristampare tutte le copie che servono. Il digitale rende inutile la stampa di grandi quantitativi, purtroppo un grande rischio per i piccoli editori.

9) Il mio libro sarà sottoposto a editing?

Scegliamo solo quei titoli che a nostro avviso sono dotati di una struttura narrativa solida, in cui i personaggi sono ben delineati, e che quindi non necessitano di un intervento invasivo, ma di una semplice correzione bozze.

10) Fate promozione? Partecipate a fiere del settore?

Oggi per un piccolo editore è complicato fare promozione. Tutto passa per la Rete attraverso blog, pagine autore e iniziative simili. È comprensibile come sia una questione di risorse ed efficacia. Per quanto riguarda le fiere vale lo stesso discorso. Abbiamo una lunga esperienza di fiere, esperienza che ci ha insegnato come la resa non si avvicini mai alla spesa. Tuttavia, se ci sono le condizioni, partecipiamo.

11) Vorrei notizie del mio libro che dovrà essere pubblicato.

In una casa editrice il tempo è importante. C’è un piano editoriale e gli autori vengono informati circa il periodo nel quale il loro libro verrà pubblicato. Ciò significa che a tempo debito la casa editrice vi contatterà. Ecco perché telefonate o email tipo: “Allora, ci sono novità?” comportano risposte ovvie e perdite di tempo.

12) Dopo quanto tempo posso chiedere notizie sulle vendite?

Se un libro viene venduto oggi, riceveremo il rendiconto, quando va bene, dopo tre-quattro mesi. Poi passerà un altro mese prima che il libro venga pagato. Quindi prima di almeno sei mesi qualsiasi notizia potremmo fornire sarebbe del tutto incompleta.

13) Cosa succede quando il contratto è scaduto?

I diritti tornano all’autore, che potrà disporre del materiale di sua proprietà come meglio crede. Tutto quello che è proprietà di Montag, vale a dire logo, copertina (se scelta dall’editore) e impaginazione, non potrà essere utilizzato.

14) Dove vengono distribuiti i libri una volta pubblicati? Posso sapere in quali librerie sarà presente fisicamente il mio libro?

Tutte le opere pubblicate dalla casa editrice vengono distribuite tramite Fastbook del Gruppo Messaggerie, Libri Diffusi, i principali webstore nazionali e sono acquistabili nelle librerie online (IBS, Mondadori, Feltrinelli e altre). Per quanto riguarda la presenza fisica del libro, il distributore Libri Diffusi propone la scheda alle librerie fiduciarie, che in piena autonomia decidono se accettare il titolo oppure no.

15) Come vengono trattati i miei dati personali?I dati personali vengono trattati nel rispetto del regolamento UE GDPR. I dettagli sul trattamento in forma cartacea e elettronica sono possono essere visionati nella pagina Privacy Policy di questo sito: https://www.edizionimontag.it/

NOTE REDAZIONALI

Le seguenti note non hanno la presunzione di essere esaustive riguardo al come presentare un testo, tutt’altro. Tuttavia forniranno brevi cenni sul come eliminare alcuni difetti ricorrenti nelle opere degli esordienti, o quasi. Difetti molto spesso legati a trascuratezza o disattenzione e che nessuno può permettersi.  

  • Rileggete il testo usando un correttore ortografico, oggi disponibile in qualsiasi software utilizziate per scrivere. Non migliorerà la forma, ma consentirà comunque di scovare molti refusi disseminati tra le pagine (che ci sono, ve lo garantiamo).  
  • L’uso della “d” eufonica davanti a vocale, qualunque essa sia, è datato (non si usa più), in quanto rimanda a preoccupazioni inizio novecentesche che sono andate perdendosi negli ultimi cento anni. Per cui:  
  • La congiunzione “e” diventa “ed” soltanto davanti a parola che inizia con “e”: in tutto gli altri casi rimane invariata;  
  • la congiunzione “o” diventa “od” soltanto davanti a parola che inizia con “o”: in tutto gli altri casi rimane invariata;  
  • la preposizione “a” diventa “ad” soltanto davanti a parola che inizia con “a”: in tutto gli altri casi rimane invariata. 

Ci sono alcune eccezioni, ma per cominciare è sufficiente. 

  •  I punti di sospensione (sempre e solo 3 per convenzione internazionale!) devono essere seguiti, ma non preceduti, da uno spazio:  Es: «Se non era questo un segnale di insensibilità… Tuttavia Carla…».  Inoltre devono essere usati quando esprimono titubanza o una pausa, non inseriti ovunque e comunque, perché non avrebbe senso.  
  • Il punto esclamativo dev’essere usato in caso di, appunto, forte esclamazione, e non al termine di due frasi su tre. Anche in questo caso da usare quando serve, non a caso.  
  • Non usare sillabazioni manuali.  
  • Il testo va sempre giustificato sia nel margine destro che sinistro.  L’interlinea dev’essere sempre e solo singola, e soprattutto niente spazi multipli tra un paragrafo e l’altro.  
  • Non lasciare spazi tra una parola e il segno di punteggiatura che la segue.  
  • Non lasciare spazi tra apostrofo e parola.  
  • Lasciare uno e un solo spazio tra una parola e l’altra. Né doppi, né tripli, in nessun caso. Sono facili da scovare perché il correttore ortografico li segnala.  
  • Il verbo “è” a inizio frase si scrive “È” e non “E’”, perché è un errore grammaticale. Ottenerlo è facile: basta cercare un po’ in “inserisci simbolo”.  
  • “Do” va sempre senza accento o apostrofo.  
  • “Lì” avverbio di luogo, va accentato. “Li” pronome atono maschile plurale usato in funzione di complemento oggetto, non va accentato.  
  • «Passeggiò lì intorno fino a sera». – «Li seguì fino a casa».  
  • Perché, affinché, ribatté, poté, sé… tutti sempre con accenti chiusi. Quindi non perchè, affinchè, ribattè…  
  • “Qual è” si scrive così, senza apostrofo.  
  • Non usare mai il grassetto (tranne che per i titoli).  
  • Il corsivo si usa soltanto per parole straniere o titoli di libri, film ecc.  
  • Parole che si scrivono separate: a fianco, a proposito, al di sopra, al di sotto, all’incirca, d’accordo, d’altronde, in quanto, l’altr’anno, poc’anzi, quant’altro, senz’altro, tra l’altro, tutt’altro, tutt’e due, al di là, (a meno che non si tratti dell’aldilà, il regno dei morti: Aldilà).  
  • I testi devono sempre essere scritti in un unico font (Times New Roman), senza utilizzare font coreografici o fantasiosi (o addirittura font diversi in capitoli diversi) perché nulla aggiungono, anzi. Anche in sede di presentazione di un testo è preferibile. Es: se un personaggio legge la lettera della sua amata, inutile cerchiate un font che il più possibile assomigli alla scrittura di una donzella.  
  • Qua, qui, su… non vanno accentati.  
  • L’avverbio “sì” comunica una risposta positiva e va accentato. Es.: «Sì, ci sto».  
  • C’è la tendenza ad abusare degli avverbi di modo col suffisso –mente. Solamente, difficilmente, lentamente… Appesantiscono e sono, di solito, inutili. Provate a rileggere una frase con un avverbio simile. Poi toglietelo e, scoprirete, che il significato della frase è identico. Eliminatene il più possibile.  
  • Se andate a capo, il rientro della prima riga si può impostare sia dal righello che dalle impostazioni di paragrafo. Non inserite rientri con la barra spaziatrice, pratica che si usava con la macchina da scrivere decenni fa. 

Importanti annotazioni riguardo ai dialoghi. 

I discorsi diretti si scrivono tra sergentine o caporali: « » (non questi: << >> che sono i segni maggiore–minore, quindi è un errore). Sono da evitare, preferibilmente, le virgolette alte “” che, al limite, possono essere usate per riportare pensieri concepiti dai personaggi, ma non espressi ad alta voce. Sempre tra virgolette alte vanno anche scritti i nomi delle testate dei quotidiani e le parole oggetto di un’attenzione contenuta nella frase (Es: ho scelto la parola “libertà” come mio unico motto). Non è necessario l’uso di alcuna virgoletta per indicare nomi di luoghi, a meno che non siano locali pubblici. ATTENZIONE! Il punto fermo va sempre fuori dalle sergentine, a meno che all’interno ci siano già un punto interrogativo o esclamativo oppure i puntini di sospensione. 

Esempio: 

«Esco un attimo, Enrico». 

«Non irritarmi ulteriormente!» 

Esempio di dialogo diretto spezzato: 

«Esco un attimo, Enrico», disse Claudia, ridendo. «Al mio ritorno continueremo la discussione». 

In alternativa si possono anche usare i trattini (–). 

Modo corretto:

 – Esco un attimo, Enrico. 

– Esco un attimo, Enrico, – disse Claudia, ridendo. – Al mio ritorno continueremo la discussione. 

Chi usa i trattini e a fine dialogo va a capo, mai deve chiudere con un trattino, ma soltanto col punto e poi a capo. Modo scorretto: 

– Esco un attimo, Enrico. –

 – D’accordo. – 

Poche, piccole cose, ma che daranno al testo una correttezza formale molto più rilevante agli occhi di un editor. E, va da sé, non serve scriverci per chiedere ulteriori chiarimenti: basta aprire un romanzo qualsiasi che avete in casa e, se siete davvero dei lettori (requisito fondamentale per pretendere di scrivere), troverete tutto lì. Per ciò che concerne le impostazioni tecniche, è tutto nel vostro software di scrittura, quindi è sufficiente lavorarci un po’ per usarlo al meglio, anche perché è necessario conoscere il mezzo che si usa se si vuol fare qualsiasi cosa. 

Gli autori sono invitati a rivedere il proprio testo applicando quanto letto fin qui. Un modo facile per apprendere qualcosa in più e, soprattutto, dimostrare amore verso la propria opera e rispetto verso il lavoro degli altri, senza abbandonarsi a un facile e superficiale: «Tanto è uguale, ci penserà l’editore a correggere». No, perché l’editore “cestina”

TIPOLOGIE

L’ebook sulle Case Editrici Vol II prevede ben 135 tipologie diverse tra cui NARRATIVA, SAGGISTICA, ARTE, BIOGRAFIE, MANUALISTICA, CRESCITA PERSONALE, CUCINA, DIDATTICA, EDUCAZIONE, ELETTRONICA, FILOSOFIA, FUMETTI, LIBRI PER RAGAZZI …

VUOI VEDERLE TUTTE IN ORDINE ALFABETICO? QUESTO IL COLLEGAMENTO:

SCHEDA DI CASA EDITRICE

ECCO UN ESEMPIO DI SCHEDA DI CASA EDITRICE, così come si presenta nell’ebook ‘443 CASE EDITRICI NON A PAGAMENTO VOL. 2’

SONO VISIBILI IL NOME DELLA CASA EDITRICE, LA SEDE, LA TIPOLOGIA DI PUBBLICAZIONE, EMAIL E SITO CLICCABILI.

ELENCO GRATUITO DELLE 443 CE NO EAP.


QUESTO È IL LINK DIRETTO DELLA PAGINA WEB CONTENENTE L’ELENCO DELLE 444 CASE EDITRICI NON A PAGAMENTO:

L’elenco delle CASE EDITRICI, di cui sopra, è completo, ma mancano altre informazioni e i collegamenti necessari per contattare e inviare manoscritti per eventuali pubblicazioni. Per avere tutte le informazioni è sufficiente copiare la denominazione della casa editrice e incollarla nella casella di ricerca del web e attendere i risultati. In alternativa, è possibile acquistare a un modico prezzo una delle due opere di consultazione o entrambe per avere a disposizione uno strumento efficace e potente, capace di individuare con un click tutte le CASE EDITRICI pertinenti al contenuto del manoscritto, consentendo di fare delle scelte mirate, senza perdere tempo.

Acquisto opere di consultazione sulle 444 Case editrici non a pagamento

Gratis! Iscriviti a NoiScrittoriNoiLettori e rimani aggiornato su tutte le novità del sito. Inoltre potrai usufruire di molti vantaggi offerti sempre gratuitamente a Scrittori e a Lettori

Unisciti ad altri 1,476 utenti.

LIBRI SULLE CASE EDITRICI

LIBRI SULLE CASE EDITRICI

CLICCARE SULLE IMMAGINI PER INFORMAZIONI

SUGGERIMENTO

SUGGERIMENTO

CLICCARE SULL’IMMAGINE PER INFORMAZIONI

Visualizzazioni: 183